Indietro

Le ipotesi di Zecchini su una matrice preistorica

Museo archeologico del Distretto minerario di Rio nell'Elba

L'archeologo mette in dubbio la datazione e la funzione della matrice della Collezione archeologica Foresi esposta al museo di Rio nell'Elba

RIO — Nel museo archeologico del Distretto minerario di Rio Alto è esposta una piccola matrice in arenaria macigno, multipla e frammentaria, per la produzione di strumenti di bronzo, di rame o di ferro. 

La trovò Raffaello Foresi nel 1865 a Colle Reciso/S. Lucia e ne inviò un modello a Igino Cocchi, professore di geologia all’Università di Firenze, affinché la esaminasse. 

Entrambi la ritennero autentica e la riferirono all’Età del Bronzo. In anni recenti studiosi di università e di soprintendenze hanno rianalizzato la matrice riferendola di volta in volta a tempi protostorici o al Medioevo, oppure etichettandola come probabile falsificazione.

Secondo Michelangelo Zecchini, che ha pubblicato i risultati della sua ricerca nel sito on line Academia.edu, aggiornando una precedente bozza, nessuna delle tre ipotesi è valida: la matrice non risale né all’Età del Bronzo né al Medioevo, e non è neppure una falsificazione. Si tratta, al contrario, di una forma da getto della prima metà dell’Ottocento adatta a produrre puntali e punte di lancia per cancelli o inferriate.

Per chi volesse leggere o scaricare lo studio di Zecchini al seguente link:

https://www.academia.edu/38161106/LA_MATRICE_LITIC...  

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it