Indietro

In attesa per le sorti della partecipata comunale

Sulle vicende della Cosimo de' Medici interviene Paolo Andreoli, segretario del PD di Portoferraio e consigliere comunale di minoranza

PORTOFERRAIO — Ancora non si conosce quale sarà la decisione dell'amministrazione comunale di Portoferraio e del sindaco Ferrari sulla guida della partecipata comunale Cosimo de' Medici.

Ad inizio anno, nel giorno in cui la Regione Toscana annuncia avviate ufficialmente le celebrazioni per i 500 anni dalla nascita di Cosimo I de' Medici (leggi qui l'articolo), da cui la partecipata del Comune di Portoferraio prende il nome, lo stesso nome di Cosimo appare frequentemente citato per polemiche politiche, anziché per parlare delle celebrazioni elbane, che pur dovranno esserci.

Il 31 Dicembre infatti era stato lo stesso sindaco Ferrari a rassicurare i dipendenti sul fatto che la società sarebbe comunque andata avanti, essendo il braccio operativo dell'amministrazione (leggi qui l'articolo) e precedentemente, per il 15 Dicembre era stata annunciata una riunione del Consiglio di amministrazione della società stessa.

Ricordiamo che la società partecipata al 100 per cento dal Comune, oltre a gestire i siti culturali e i musei di Portoferraio, compreso il Teatro, gestisce gli impianti sportivi ma anche il porto turistico con i relativi servizi.

Non ci sono state decisioni. Sappiamo che dovrebbe esserci una nuova riunione del cda il 15 Gennaio prossimo ma nel frattempo sulla stampa sono uscite varie dichiarazioni e varie ipotesi sul futuro della partecipata che dal 14 Agosto scorso vede i componenti del suo cda dimissionari.

Oggi è intervenuto anche Paolo Andreoli, segretario del PD di Portoferraio e consigliere di minoranza nello stesso Comune.

"Il presidente della Cosimo de' Medici - scrive Andreoli - dopo quattro anni e mezzo dall’insediamento Ferrari dice espressamente che la gestione della Cosimo è l’unica cosa buona fatta da questa amministrazione!"

Il riferimento è ad una intervista pubblicata su Il Tirreno il 3 Gennaio 2018 al presidente della Cosimo de' Medici, Vittorio Campidoglio.

Andreoli interviene sul tema della partecipata, dopo il botta e risposta tra Consiglio di amministrazione della Cosimo e il sindaco Ferrari. 

"Non vogliamo entrare nel merito del lavoro svolto dalla partecipata - afferma Andreoli -  ma quello che sconcerta è il livello dello scontro che si sta consumando tra chi ha la responsabilità di guidare questa nostra città. La Cosimo mette di nuovo in evidenza il conflitto interno alla maggioranza? Di certo non possiamo essere sorpresi di questo, visto quello che è accaduto negli ultimi periodi".

Andreoli si chiede ancora "se i 500mila euro di crediti vantati dalla Cosimo diventeranno, in parte, nuovi debiti fuori bilancio, e afferma di non comprendere il sindaco Ferrari quando dice che la società partecipata ha lavorato bene mentre al tempo stesso sostituisce il consiglio di amministrazione".

"Dice che hanno svolto un buon lavoro - aggiunge Andreoli - e addirittura viene proposto al presidente di restare come responsabile tecnico! Da tutto questo, noi e tutti i cittadini, cosa possiamo capire?"

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it