Indietro

Refill Elba, accordo con Legambiente Turismo e Asa

La bottiglia del progetto Refill Elba

Si tratta del primo progetto Refill in Italia per facilitare la localizzazione dei punti d’acqua e ridurre il consumo di bottiglie di plastica

PORTOFERRAIO — Giunta al termine la stagione 2019, si legge in una nota dello staff del progetto, ci troviamo ad analizzare i vari feedback ricevuti, proseguendo il nostro lavoro per migliorare la funzionalità del servizio Refill. Il team Refill Elba sta lavorando per poter sviluppare un sistema interattivo e innovativo per facilitare la localizzazione dei punti d’acqua in una determinata destinazione.

"Vorremmo ringraziare tutti i partner - spiegano da Legambiente - che ci hanno supportato e incoraggiato fino ad adesso: Hotel Montemerlo, Acropoli Bar Marciana, Hotel Sardi, Hotel Belmare, Fonte di Zeno, I Viaggi del Genio, Elba Trail Area. Siamo inoltre lieti di introdurre due collaborazioni importanti che aiuteranno a sviluppare e a portare il progetto al livello successivo: la partnership con Asa– Azienda Servizi Ambientali, che ci aiuterà a condividere le corrette informazioni sulla qualità dell’acqua nelle fontanelle, mentre la partnership con Legambiente Turismo ci assisterà nella diffusione della pratica di Refill all’interno della destinazione, promuovendo un turismo sostenibile".

Refill Elba è il primo progetto sostenibile Refill (Ricarica) attivato in Italia nel Maggio 2019. Obiettivo del progetto è di rivoluzionare il modo in cui l’acqua viene consumata e distribuita a livello di destinazione, riducendo il consumo delle bottiglie e dei materiali di plastica “usa e getta”.

Lo scopo di Refill Elba è creare una community di cittadini, viaggiatori ed imprenditori responsabili che agiscono contro il problema dell’eccessivo uso della plastica nella vita quotidiana, promuovendo uno stile di vita plastic free ed un turismo responsabile.

Gli obiettivi principali del progetto sono:

- Incentivare il turista ed il cittadino a servirsi di borracce riutilizzabili durante la vacanza e la vita quotidiana.

- Facilitare la localizzazione delle stazioni d’acqua, presenti in una determinata destinazione, tramite varie locandine ed il QR Code stampato sulla borraccia e collegato alla Refill Mappa.

- Incentivare la riqualificazione e lo sviluppo di punti d’acqua gratuiti e a pagamento in una destinazione, in modo da creare un network esteso di punti di ricarica.

- Promuovere un turismo responsabile per ridurre il consumo di plastica, preservando il mare e l'ambiente che ci circonda.

"A maggio 2019 - si legge in una nota - abbiamo lanciato la piattaforma refillelba.com con la mappa e stiamo lavorando costantemente per migliorarla aggiungendo stazioni d'acqua pubbliche e private. A questo link potrete trovare la Refill Mappa: refillelba.com/mappa/ Con la funzione del QR Code diamo la possibilità a tutte le persone di utilizzare il servizio evitando di scaricare applicazioni, condividere i propri dati ed informazioni. Grazie agli Smartphone di ultima generazione, semplicemente aprendo la fotocamera, il sistema leggerà immediatamente il codice e aprirà sul vostro device la mappa con tutti i punti d’acqua presenti intorno a voi. La Refill Mappa possiede un sistema di navigazione che permette all’utente di trovare facilmente il punto d’acqua più vicino".

La missione di Refill Elba è quindi quella di aumentare la consapevolezza riguardo al problema dell’eccessivo consumo di bottiglie di plastica monouso, incentivando lo sviluppo e la riqualificazione di più punti d’acqua pubblici e privati, in modo da creare un network esteso a tutta l’Isola, all'Arcipelago toscano ed a varie regioni italiane.

Il progetto, secondo i promotori, avrà la capacità di ridurre intensamente il consumo e la distribuzione di bottiglie di plastica, incoraggiando l'uso di bottiglie riutilizzabili, creando una rete di punti d’acqua potabile gratuiti o a pagamento e facilitando la loro localizzazione all'interno della destinazione tramite una mappa interattiva ed il QR Code. 

"L’Italia - come sottolineano i promotori del progetto Refill Elba - è il primo paese in Europa e il terzo a livello mondiale per utilizzo a persona di acqua minerale in bottiglia. Pensate che si consumano minimo 2 bottiglie di plastica al giorno soltanto all’Isola d’Elba, una piccola realtà turistica; riceviamo una media di 440mila turisti all’anno con un consumo di bottiglie di plastica stimato a 5 milioni: immaginatevi in tutta Italia ospitando circa 90 milioni di turisti stranieri ogni anno! Promuovendo il progetto Refill saremo in grado, solamente nella nostra Isola, di evitare che 5 milioni di bottiglie di plastica finiscano disperse nelle discariche e nell’ambiente.

"Refill Elba è attualmente il primo progetto in Italia con questi obiettivi e caratteristiche: dopo la prima stagione siamo soddisfatti di aver localizzato più di 30 punti d’acqua pubblici e privati, - spiegano i promotori - ricevendo ottimi feedback da parte dei cittadini locali, dei turisti e contando sul supporto di 8 partner locali. La nostra visione futura è di estenderci includendo prima le altre isole dell’Arcipelago Toscano, per poi allargarsi a livello regionale e successivamente nazionale, sviluppando Refill-Now.com e mappando tutte le stazioni d’acqua pubbliche e private per collegarle alla Refill Mappa.

“La nostra visione è di innovare il modo in cui l’acqua viene distribuita e consumata a livello di destinazione - dichiara Matteo Galeazzi, fondatore del progetto -riducendo il consumo di bottiglie di plastica e promuovendo uno stile di vita e un turismo responsabile. Svolgendo delle piccole azioni, come utilizzare una bottiglia riutilizzabile e ricaricandola nei vari punti d’acqua, possiamo avere un impatto diretto e positivo sull’ambiente, rispettando e preservando il mare e la natura che ci circonda per le generazioni future.”

Chi fosse interessato a partecipare al progetto Refill Isola d’Elba può contattare i seguenti recapiti: refillelba@gmail.com, cell.333-9906880.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it