Indietro

Pini di San Giovanni, "vogliamo trasparenza"

Strada di San Giovanni, Portoferraio

Noemi Alessi, portavoce del Comitato Alberi Maestri Elba, chiede un incontro via skype alla giunta per discutere sui pini e minaccia azioni legali

PORTOFERRAIO — Con una lettera aperte indirizzata al sindaco di Portoferraio, Noemi Alessi, portavoce del Comitato Alberi Maestri Elba, interviene nuovamente sulla decisione dell'amministrazione comunale di rimuovere i pini lunga la strada nella zona di San Giovanni.

Alessi interviene in seguito alla diretta Facebook dei giorni scorsi in cui il sindaco Zini ha parlato anche della scelta riguardante i pini (leggi qui l'articolo) e dopo aver espresso solidarietà al sindaco per il momento difficile, tuttavia chiede chiarimenti sulla questione.

"Prima nota, il metodo: - scrive Alessi - uno dei punti di forza della tua campagna elettorale fu proprio quello di garantire la partecipazione delle cittadine e dei cittadini e la trasparenza in merito a questioni di pubblico interesse. Ci sembra pertanto, già a partire da qui, davvero poco rispettoso degli impegni presi il dire 'abbiamo deciso l'abbattimento dei pini perché rientra nel piano triennale del verde pubblico'. Quale piano triennale? Nessuna associazione del territorio che si occupi di ambiente o di imprenditoria turistica, né il parco, sono state invitate a partecipare alla stesura di questo piano triennale del verde, del quale, tra le altre cose, non vi è traccia sul sito del comune. Dove le perizie necessarie per un tal procedimento, albero per albero, degli arboricoltori o dottori agronomi? Dove le autorizzazioni della sovrintendenza sui beni paesaggistici e di interesse storico e culturale? Dove i permessi della Regione Toscana? Ci aspettavamo sinceramente un procedere più inclusivo delle diverse istanze interessate. È oramai più di un mese che vengono richieste spiegazioni e documentazione sia informalmente (sempre dai soliti tuoi elettori) sia formalmente con una richiesta agli atti. Silenzio assoluto. Solo la tua dichiarazione in video perentoria che cala dall'alto le decisioni prese ed esclude dal dibattito qualsiasi obiezione o legittimo dubbio procedurale". 

Secondo Alessi la portavoce del Comitato "l'interesse di salute pubblica è solo apparentemente tutelato dal taglio degli alberi. Se la strada assumerà le sembianze di una avenue californiana, una spianata di cemento e asfalto con dei bei lampioni che illuminano il rettilineo e qualche pianticella stenta, stiamo sicuri che i morti aumenteranno. A quel punto a nessuno verrà in mente di tagliare i lampioni. Gli alberi ed il verde urbano non sono solo utili da un punto di vista estetico e paesaggistico, ma sono indispensabili per i cosiddetti Servizi Ecosistemici che sono in grado di fornire: miglioramento e depurazione dell'aria, mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici. Di interesse pubblico è, inoltre, anche il valore storico e paesaggistico dell'ambiente urbano che sotto il profilo turistico aumenta con la presenza di alberi ben curati e in sicurezza". 

"La messa in sicurezza degli alberi e della strada - secondo la portavoce del Comitato -  non deve necessariamente coincidere con un'azione così drastica e costosa (165.000 euro dal progetto di fattibilità). Questi soldi potrebbero, proprio in questo momento storico, essere impiegati diversamente: per l'emergenza che il comune di Portoferraio sta vivendo, emergenza sanitaria, economica, sociale"

La portavoce infine chiede ufficialmente un incontro telematico via skype o altro mezzo di comunicazione per la prossima settimana in cui alcune persone del comitato e delle associazioni si possano confrontare il sindaco e con la giunta prima di procedere per vie legali con istruttoria o esposto.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it