Indietro

Partecipata comunale, interviene il gruppo PD

I consiglieri comunali del Gruppo PD

Per fare chiarezza sulla Cosimo de' Medici, società interamente partecipata dal Comune di Portoferraio arriva il punto di vista della minoranza PD

PORTOFERRAIO — Non si arriva ancora ad avere piena chiarezza sulla situazione della Cosimo de' Medici, la società partecipata del Comune di Portoferraio. Oggi dovrebbe esserci una nuova riunione relativa al futuro della partecipata. 

Nel frattempo, dopo l'intervento di ieri, lunedì 14 Gennaio, dell'ex vicesindaco di Portoferraio e assessore alla cultura e al bilancio della partecipata, Roberto Marini (leggi qui l'articolo), per cercare di fare ulteriore chiarezza, oggi interviene il gruppo consiliare di minoranza PD con una nota a firma dei consiglieri comunali del Comune di Portoferraio Cosetta Pellegrini, Antonella Giuzio, Paolo Andreoli e Alessandro Mazzei.

"A seguito dell'intervento del vice sindaco Marini, - scrive il gruppo consiliare PD - senza alcuno spirito polemico - che pure potrebbe avere ragione di esistere - ci permettiamo di fornire alcune indicazioni utili a chiarire la situazione dei rapporti fra Comune e Cosimo de' Medici, almeno sulla base dei dati in nostro possesso. Alla fine della passata legislatura (2014) la Cosimo aveva un quadro economico-finanziario sostanzialmente stabile ed affidabile e non era certo ridotta 'ai minimi termini'. Da 7 anni era in utile ed il conto economico era in equilibrio".

"La cassa - spiega il gruppo PD - soffriva un po' nel periodo invernale, per il fenomeno della stagionalità. I presunti debiti da parte del Comune vedevano una partita importante, intorno ai 100mila euro, legata alla conduzione della pista di atletica. Questo debito, legato alla successione dell'Unione di Comuni, veniva imputato dalla partecipata al solo Comune di Portoferraio, ma in realtà andava suddiviso fra tutti e 8 (ora 7) comuni proprietari, con modalità da definire fra i sindaci". 

"Riteniamo - sottolinea il gruppo PD - che il problema in questi cinque anni non sia stato risolto, ma sarebbe una partita importante da chiarire, per dare respiro alla società".

"Riguardo ad altri debiti minori, - spiega il gruppo PD - relativi principalmente ad opere scolastiche effettuate dalla Giunta Ageno, nel 2014 era in corso un'istruttoria avanzata degli uffici per definirne la riconoscibilità. Al tempo, comunque, appariva quasi impossibile, in quanto si trattava di iniziative attivate con un semplice atto della Giunta, senza rapporti contrattuali definiti. Quello di cui stiamo parlando, quindi, è molto distante dalle cifre rappresentate dall’ex vicesindaco e comunque di dubbia esigibilità, quindi difficilmente riconoscibile come debito fuori bilancio". 

"A questo punto, per chiarezza, - prosegue il gruppo PD - sarebbe bene completare l'istruttoria sulle passività pregresse e su quelle nuove che si sono formate, riconoscere quelle legittime e dichiarare non riconoscibili le altre, completando un lavoro di ripulitura che aveva portato nella Giunta precedente al riconoscimento di decine di debiti, per svariate centinaia di migliaia di euro, ma anche al rigetto di altri debiti che proprio per le modalità con le quali erano stati contratti non potevano essere riconosciuti".

"Sempre per fare chiarezza, - aggiunge il gruppo PD - la società Cosimo de' Medici è partecipata al 100 per cento dal Comune di Portoferraio e deve attenersi a tutte le norme che regolano la Pubblica Amministrazione per lavori, acquisti, incarichi ed assunzioni. Tutti i rapporti con il Comune sono inoltre chiaramente regolamentati da un contratto di servizio con il Comune".

"Questa partita tra il sindaco e l’ex vicesindaco - conclude il gruppo PD - rischia di danneggiare una società che gestisce gran parte del patrimonio culturale della città, l’approdo turistico, gli impianti sportivi e molti altri servizi. Per la Cosimo lavorano con serietà e professionalità tanti ragazzi e ragazze di Portoferraio sui quali non devono ricadere le colpe di chi temporaneamente la gestisce o peggio ancora di chi dovrebbe controllarne la corretta amministrazione".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it