Indietro

“La chirurgia all’Elba non si tocca”

Ospedale di Portoferraio

Le preoccupazioni di Manola Balderi sul Gruppo Elba Sanità per il futuro dell'ospedale elbano e dell'eventuale riduzione dell'Unità di chirurgia

PORTOFERRAIO — Sulla pagina facebook del Gruppo Elba Sanità Manola Balderi, attivista e amministratrice del gruppo, ha pubblicato un intervento, esprimendo forti preoccupazioni per l'eventuale riduzione e depotenziamento dell'unità di chirurgia dell'Ospedale elbano.

Elbani siamo cittadini insulari e ancora una volta sembra che dovremo protestare per il nostro diritto alla salute. Se la chirurgia del nostro ospedale verrà declassata prossimamente ad unità semplice, come sembrano annunciare voci autorevoli, deciso dai soliti noti in Regione, e quella complessa di piombino sarà il nostro riferimento, potrebbe succedere come per l'attuale ortopedia di Portoferraio che saranno ancora più frequenti gli spostamenti dei pazienti presso gli ospedali della costa.

Ci toccherà quindi andare oltre mare ancora di più!

Noi elbani vogliamo un aeroporto che funzioni?
Ma se non difenderemo sufficientemente quello che già abbiamo nel nostro ospedale e ci verrà 'tolto', non miglioreremo di certo l’offerta turistica alla quale aspiriamo con la mobilità aerea, a che cosa ci servirà un aeroporto se poi i turisti in caso di bisogno dovranno abbandonare l’Elba e spostarsi al di là del mare a curarsi presso gli ospedali di Piombino e Cecina?

Se rimarremo con un’Unità semplice di chirurgia come vogliono fare, sicuramente si correrà il rischio di vedere smantellate le sale operatorie come già sembra essere avvenuto ai tempi dell’ortopedia: un film già visto!

Non occorre essere tecnici per comprendere e prevedere lo scenario futuro conseguente ad un tale declassamento.

I nostri sindaci che pensano di fare? Perché i partiti locali non si esprimono? Perché il Pd locale permette che la sua compagine politica regionale depotenzi un reparto dell’ospedale del proprio territorio?

Sappiate che i cittadini di ogni più lontana frazione dell’Elba verranno informati su tutto, noi cittadini dei comitati faremo sit-in ed incontri e se dovrà essere data una spiegazione alla gente quella più probabile sarà ‘che sembra essere una scelta politica legata al bacino degli elettori, ma non quello elbano!’ Ma noi le tasse le paghiamo come quelli del continente e forse il nostro gettito sul Pil Toscana è maggiore!
I soliti noti della regione sembra stiano procedendo in questa direzione e solo noi cittadini potremo opporci ad un ulteriore saccheggio del nostro ospedale.
Voi della regione che siete al comando lasciate pure l’unità complessa a Piombino, la paghiamo noi cittadini, ma ‘non prendetevi’ l’unità complessa del nostro ospedale insulare che necessita ancor di più di un budget autonomo (è anche zona distretto) e di garantire l’essenziale ai cittadini elbani e ai loro ospiti. Lasciate pure il punto nascita a Piombino che per il decreto Balduzzi dovevate aver già spostato su Cecina, ma giù le mani dalla nostra chirurgia!
Se necessario metteremo in campo forme di protesta ad oltranza e verremo con gli autobus in regione!

Vi contatteremo uno ad uno per farci dire in faccia cosa si prospetterà per la salute futura dei nostri figli e dei nostri anziani nella nostra Elba!”

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it