Indietro

Dagli USA per restaurare i dipinti elbani

Una squadra di giovani professioniste americane, con il supporto di Italia Nostra, hanno riportato in vita le tele votive del Santissimo Sancramento

PORTOFERRAIO — Dieci tavolette votive e una polena sono tornate a splendere grazie al minuzioso lavoro di un gruppo di giovanissime restauratrici provenienti da tutti gli Stati Uniti. E' questo il risultato del progetto portato avanti da Italia Nostra Arcipelago Toscano e sotto la direzione dalla Soprintendenza di Pisa e Livorno (nelle persone del dott. Andrea Muzzi e del dott. Amedeo Mercurio) che, appoggiandosi ai docenti dello studio Art Center International con base a Firenze e guidato dalla professoressa Lapucci, ha donato nuova luce alle opere conservate nella chiesa del Santissimo Sacramento.

Una settimana di lavoro indefesso per il gruppo di lavoro che comprendeva anche Alice Parri, Maurizio Scatafora e Riccardo Mibelli, sulle tele risalenti al 1700 e che, come spiega il professor Vanagolli: "Rappresentano, insieme a quella di Montenero, la più importante collezione in Toscana offrendo un grande contributo anche alla storia della marineria poichè vi sono raffigurati molti e diversi tipi di imbarcazioni che si usavano all'epoca".

Il gruppo è stato ospitato nei locali del Santissimo Sacramento che ha provveduto anche all'alloggio e al mantenimento delle studiose in trasferta, ricevendo in cambio le tele restaurate che ora, è questo il progetto a lungo termine di Italia Nostra, potrebbero formare il nucleo di un'esposizione ancora più grande.

"In passato avevamo all'Elba uno stage fisso per la nostra scuola - spiega Lapucci - poi per problemi amministrativi abbiamo dovuto desistere ma questa volta abbiamo avuto un'accoglienza del tutto diversa. Il personale del Sacramento ci è stato vicino ogni giorno fornendoci un grandissimo aiuto e a loro vanno i nostri ringraziamenti. Le opere versavano in uno stato di particolare degrado anche dovuto al clima isolano ricco di iodio: noi abbiamo lavorato sulle tele e sulle cornici restaurando gli originali dove possibile".

Il progetto è stato seguito costantemente dai funzionari della Soprintendenza. "Erano oggetti abbandonati in sottoscala - ricostruisce Vanagolli - ci sono voluti anni per arrivare alla prima esposizione, con oggi ridiamo dignità a queste opere importantissime. Erano opere molto diffuse ma ora ne sono rimaste poche, venivano affisse in chiesa per ringraziare di un voto esaudito e queste erano nella stessa chiesa del Santissimo Sacramento, altro caso raro. 

Tanya, Lauren, Eileen, Monique, Kimberly, Reed, Emily (questi i nomi delle ragazze provenienti dal Maine, Florida, Washington DC, Canada e Ohio) hanno lavorato anche su alcune statue lignee, due delle quali polene e altre ne arriveranno per arricchire la collezione.

Soddisfatta anche la presidente di Italia Nostra Arcipelago Toscano, Cecilia Pacini: "Questo progetto riflette la nostra filosofia: ci avvaliamo delle professionalità di molte eccellenze per la valorizzazione di quello che abbiamo. L'Elba ha un patrimonio culturale molto ricco che deve essere sviluppato di più. Devo ringraziare i proprietari delle tavolette per la disponibilità".

"Oggi è una giornata importante - commenta il vice sindaco Roberto Marini - dobbiamo ringraziare Cecilia Pacini e la dottoressa Lapucci per il grande lavoro che hanno fatto, spero che questo sia l'inizio di un percorso che andrà avanti. Dobbiamo capire che abbiamo molto da offrire agli elbani e ai turisti". 

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it