Indietro

Continuità territoriale aerea, sindaci uniti

Il nuovo assetto dell'aeroporto di La Pila

I primi cittadini elbani hanno scritto una lettera aperta a Enac e al Ministero dei Trasporti: "ENAC incrementi lo stanziamento, per noi è essenziale"

PORTOFERRAIO — Una lettera aperta a Enac e al Ministero dei Trasporti per sollecitare la concretizzazione del ripristino della continuità territoriale aerea fra l'Isola d'Elba e le principali città italiane. La firma in calce è quella dei sette sindaci dei comuni dell'isola, che accelerano i tempi - come annunciato nel convegno di venerdì scorso - in vista del Consiglio di Amministrazione di ENAC previsto per martedì 2 ottobre.

"L’isola d'Elba tra il 2014 ed il 2017  - si legge nella lettera aperta - ha beneficiato con successo di un programma di continuità Territoriale verso Pisa, Firenze e Milano Linate, che ha avuto un positivo riscontro con numeri crescenti nel triennio in questione. Questo servizio si è rivelato di enorme importanza per studenti, pendolari e per i pazienti che hanno necessitato di visite mediche negli Ospedali di Pisa e Firenze, per quei servizi specialistici non erogati dall’Ospedale di Portoferraio. In più occasioni il collegamento aereo è stata l’unica alternativa possibile con la terra ferma, durante le giornate di mare agitato, che bloccavano in banchina i traghetti. Il servizio inoltre ha rappresentato un importante valore aggiunto anche per il turismo, permettendo le interconnessioni con l’Europa in arrivo e partenza attraverso gli Aeroporti collegati. Il programma, terminato nell'Ottobre 2017, è stato rifinanziato dai medesimi Enti per le stesse cifre con un nuovo Bando. I valori di riferimento per il finanziamento risalivano al 2012. L'incremento del costo del carburante e la rivalutazione del dollaro hanno fatto sì che nessuna Compagnia Aerea abbia presentato offerta ed il bando è andato deserto. Per questo motivo la Regione Toscana, su richiesta di Alatoscana, già a Maggio 2018, ha richiesto ad ENAC un incremento dello stanziamento di € 250.000 annui portando così la compensazione annua massima disponibile ad € 1.100.000 per un totale di € 3.300.000 per il triennio. Il 2 ottobre prossimo è prevista la seduta del Consiglio di Amministrazione dell’ENAC che dovrà discutere e deliberare sulla richiesta di incremento dello stanziamento per la continuità territoriale. Senza questo incremento sarà praticamente inutile indire un altro bando e verrà meno la continuità territoriale, con grave danno per tutta l’isola. Come primi cittadini dell’isola d’Elba, consideriamo la continuità territoriale strumento assolutamente essenziale e vitale per l’intera Comunità elbana che rappresentiamo,forse l’unico che permette di minimizzare gli inevitabili disagi legati alla condizione di insularità. Per questo ci appelliamo al Ministero dei Trasporti e all’ENAC, perché venga deliberato l’incremento dello stanziamento a favore della continuità territoriale, per veder riconosciuto, all’Elba, il diritto ad una “normalità” che, in assenza di interventi legislativi ad hoc, rimane una chimera".

La lettera è firmata da Gabriella Allori Sindaco di Marciana Marina, Ruggero Barbetti Sindaco di Capoliveri, Anna Bulgaresi Sindaco di Marciana, Marco Corsini Sindaco di Rio, Mario Ferrari Sindaco di Portoferraio, Davide Montauti, Sindaco di Campo nell’Elba, Maurizio Papi Sindaco di Porto Azzurro.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it