Indietro

"Amministrazione razzista e intollerante sui rom"

Il PD di Portoferraio prende posizione sulla vicenda dei rom e chiede un cambio di rotta all'amministrazione comunale guidata da Ferrari

PORTOFERRAIO — "Marini chiede che il Partito Democratico si esprima riguardo la vicenda dei Rom espulsi per decreto del sindaco dal nostro territorio per ragioni di ordine pubblico e igienico sanitarie. Mi pare che il partito si sia espresso in numerose occasione da parte di suoi esponenti, sia in articoli che in commenti agli articoli stessi. 

Se l’amministrazione di Ferrari richiede un pronunciamento ufficiale della minoranza consiliare del PD, credo che la stessa non avrà alcuna difficoltà a farlo. Crediamo che la decisione del sindaco di Portoferraio, appoggiata dai sindaci elbani e purtroppo anche da alcuni cittadini che immaginano di poter risolvere problemi complessi con risposte semplici e sicuramente sbagliate, si possa configurare come un eclatante abuso di potere dettato da sentimenti di razzismo latente e da evidente intolleranza. 

Qualora fossero state messe in atto da parte di quelle persone attività penalmente rilevanti comprovate da prove certe, allora il percorso da seguire non poteva che essere una formale denuncia alle autorità competenti che avrebbero preso le misure previste dalla legge come nei confronti di qualsiasi altro cittadino residente od ospite. 

Qualora ci fossero state motivazioni di carattere igienico sanitarie, comprovate da stazionamenti non autorizzati e da azioni contro l’igiene pubblica con il conforto di testimonianze sia visive che fotografiche, il sindaco aveva il dovere di intimare l’approntamento nei camper di servizi igienici chimici adeguati o l’allontanamento dai luoghi di sosta non autorizzati come nei confronti di qualsiasi cittadino e di provvedere, inoltre, a trovare una sistemazione adeguata presso luoghi autorizzati anche a pagamento, in considerazione che esiste il divieto assoluto di campeggio libero.

Qualora non avessero ottemperato a tali indicazioni, l’autorità amministrativa avrebbe avuto il diritto dovere di rivolgersi anche in questo caso all’autorità giudiziaria competente per i provvedimenti del caso. Abbiamo risposto evidenziando un principio fondamentale in ogni Paese democratico, le regole e le leggi vanno rispettate da chiunque e nei confronti di chiunque qualsiasi sia la sua razza, religione, opinione culturale o politica, come recita la nostra Costituzione. 

Ci sembra invece che l’amministrazione Ferrari non abbia fino ad ora dato risposte adeguate alle interrogazioni della nostra minoranza consiliare, spesso addossando la colpa delle proprie inadeguatezze alla passata amministrazione, non abbia soprattutto dato, in questi due anni e mezzo di governo, riscontri significativi alle domande provenienti dal territorio e dai cittadini aumentando le tasse senza alcuna spesa pubblica importante, raggiungendo un cospicuo, ma inutile avanzo di bilancio, limitandosi a scarse opere di ordinaria manutenzione o inaugurando patrimoni monumentali già ampiamente restaurati ad opera proprio della giunta Peria. 

Preoccupa di più il fatto che spesso vengono affidati servizi di interesse pubblico a società private senza un regolare bando non consentendo a tutti pari opportunità di accesso, o senza che siano stati approntati tutti gli atti o le delibere propedeutiche necessarie. 

A noi sembra che ormai ci siano tutte le condizioni perché i cittadini chiedano fermamente un deciso cambio di rotta".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it