Indietro

Moody's declassa Moby e le sue azioni

Foto di repertorio

Fra le criticità indicate da Moody's c'è anche il nuovo regolamento sull'obbligo di utilizzo di carburante con meno zolfo dal 1 Gennaio 2020

PARIGI — Ieri Moody's Investors Service ha declassato la compagnia di navigazione Moby SpA, il rating della famiglia (CFR) dal valore Ca a Caa3 e la sua probabilità di rating di default (PDR) a Ca-PD da Caa3-PD. Allo stesso tempo, Moody's ha declassato i titoli senior garantiti per un valore di 300 milioni di euro a Caa3 da Caa2. Le prospettive rimangono negative, secondo Moody's.

"Il downgrade riflette la maggiore probabilità di insolvenza della società e l'elevata probabilità di una potenziale ristrutturazione del debito nel breve termine", afferma Guillaume Leglise, vicepresidente di Moody's e analista principale di Moby. 

"Moby ha un'ammortizzazione di liquidità molto limitata e una ristrutturazione del bilancio che comporta perdite per i creditori finanziari sembra sempre più probabile nel breve periodo" aggiunge Leglise.

Moody's parla di "struttura di capitale insostenibile di Moby in relazione al suo potenziale di guadagno, alti rischi di ristrutturazione basati sulla sua valutazione del debito depresso, nonché sulla sua posizione di liquidità debole risultante dalla debole redditività e dall'aumento della spesa in conto capitale".

Secondo le analisi di Moody's "il profilo di liquidità di Moby è debole. Il saldo di cassa dell'azienda era pari a 56 milioni di euro a fine settembre 2019. In assenza di importanti cessioni di navi, Moody's prevede che il profilo di liquidità di Moby si deteriorerà a causa di deflussi di cassa significativi nei prossimi 12 mesi, in particolare a seguito del rimborso di 50 milioni di EUR a febbraio 2020 dovuto sotto il prestito bancario ammortizzante della società".

"Date le limitate prospettive di recupero degli utili nel 2020, le spese sostenute per il mantenimento della manutenzione e le oscillazioni stagionali del capitale circolante, Moody's ritiene che la società affronterà una carenza di liquidità nel breve periodo. Pertanto, l'azione di rating di ieri riflette la maggiore probabilità che Moby cercherà di ristrutturare il proprio bilancio in modo tale da provocare perdite per alcuni dei principali creditori finanziari della società. Moby ha recentemente annunciato l'inizio di discussioni con istituti di credito senior e obbligazionisti. Moby ha anche assunto consulenti finanziari per fornire assistenza nella valutazione di alternative finanziarie. Moody's ritiene che questo processo potrebbe portare a un potenziale scambio di debito in difficoltà e perdite significative per i creditori. Le prospettive negative riflettono l'elevata probabilità di uno scambio in sofferenza o di insolvenza nei prossimi 12 mesi".

La classificazione di Moby comprende considerazioni ambientali, sociali e di governance (ESG), spiegano da Moody's in particolare l'ampia spesa in conto capitale necessaria per conformarsi all'imminente regolamento IMO 2020, che Moby dovrà rispettare dal 1 ° gennaio 2020. Tale regolamento vieta alle navi che utilizzano carburante con un contenuto di zolfo superiore allo 0,5%, rispetto al 3,5% attualmente, a meno che una nave non sia equipaggiata per ripulire le proprie emissioni di zolfo. Moody's prevede che questo regolamento comporterà un aumento dei costi operativi, dall'uso di carburanti a basso contenuto di zolfo, o un aumento della spesa in conto capitale per dotare le navi di impianti di lavaggio per ripulire le emissioni di gas di scarico.

Moody's ritiene "che la società abbia pratiche di governo societario aggressive, come illustrato da alcune transazioni in contanti con parti correlate, in particolare con il presidente del consiglio di amministrazione dal 2016, che potrebbero non essere nell'interesse dei creditori in un momento in cui il profilo finanziario della società si sta deteriorando".

Secondo Moody's "nel tempo, la pressione al rialzo sul rating potrebbe svilupparsi se Moby ripristinasse la sua redditività e migliorasse materialmente la sua generazione di flussi di cassa gratuiti. Inoltre, un aggiornamento del rating richiederebbe che la liquidità si rafforzi, supportata, ad esempio, da un'adeguata riserva di alleanza e da una maggiore visibilità sui potenziali deflussi futuri in relazione all'ammenda antitrust italiana e all'indagine della CE. Al contrario, Moody's potrebbe declassare i rating se la liquidità di Moby dovesse deteriorarsi a seguito di un ulteriore calo della performance operativa o di spese in conto capitale superiori alle attese, o se le prospettive di recupero si indebolissero in una potenziale ristrutturazione del debito".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it