Indietro

La "sua" scuola rende omaggio a Raffaello Foresi

Raffaello Foresi

Un progetto interdisciplinare per raccontare l'opera e la figura dell'uomo di lettere e scienza al qualel'Istituto è dedicato

PORTOFERRAIO — "Realizzato grazie al supporto di Beic - Biblioteca di Informazione e Cultura -, il progetto ha indagato il panorama culturale fiorentino di fine Ottocento e reso omaggio alla figura di Raffaello Foresi, uomo di lettere e scienza al quale il nostro Istituto è dedicato". A parlare è Daniela Cirino, docente di inglese e coordinatrice del progetto, da due anni in servizio al "Foresi". Il progetto, denominato "Dalla pietra al digitale. Le ricerche elbane di Raffaello Foresi", ha studiato le indagini dell'appassionato paletnologo che rinvenne circa duemila reperti archeologici risalenti alla pietra e al ferro, sparsi tra l’Isola d’Elba e altri luoghi dell’Arcipelago Toscano.

"Cinque moduli disciplinari compongono il progetto – spiega la professoressa Cirino - ciascuno relativo ad un aspetto della vita e della ricerca di Foresi: Italiano, Storia, Inglese, Scienze della Terra, Informatica. Gli studenti hanno svolto i moduli e imparato ad utilizzare la piattaforma Moodle, come strumento didattico imprescindibile per la conservazione e la condivisione di materiali disciplinari oggetto di studio, nonché per la gestione degli esiti del proprio lavoro".

Così, gli studenti hanno realizzato quattro pagine web, che si occupano rispettivamente di Raffaello Foresi, la sua vita e i suoi interessi scientifici; dei reperti archeologici rinvenuti sul suolo elbano, con le relative immagini e le didascalie descrittive; del Museo di Rio nell’Elba, che ospita i reperti, e dei luoghi elbani oggetto delle ricerche dello studioso. I link delle pagine web sono disponibili sulla piattaforma Moodle: http://www.beic.it/it/content/dalla-pietra-al-digitale-le-ricerche-elbane-di-raffaello-foresi

Alla realizzazione del progetto hanno contribuito Cecilia Pacini, presidente dell’Associazione Italia Nostra Arcipelago Toscano, Franco Cambi, docente di Metodologia della ricerca archeologica all’Università di Siena, Valentina Caffieri, responsabile Comunicazione per il Comune di Rio nell’Elba, Gloria Peria, responsabile Gestione associata Archivi storici dei Comuni elbani.

Il lavoro, coordinato da Cirino, è stato seguito dai docenti: Arianna Agarini (Scienze della Terra), Alberto Girgenti (Informatica), Quirino Saraceni (Italiano, Latino e Greco), Daria Trafeli (Storia), Rosalinda Pisani (Inglese), Alessandra Rando (Vicepreside) ed Enzo Giorgio Fazio (Dirigente scolastico).

Di seguito i nomi degli studenti che hanno partecipato al progetto: Pietro Barsotti, Alice Marzocchini, Margherita Conte, Domitilla Palombo, Elena Testa, Silvia Anchini, Giulia Anichini, Francesco Anichini, Melissa Beneforti, Stefano Andreotti, Leonardo Stanzione, Francesco Regna, Mattia Spinetti, Jacopo Corsetti, Matteo Cammarota, Federcio Bongiorno, Alessandro Provenzali, Mattia Kopeinig, Lorenzo Lotano, Francesco Luciani, Nicola Allori, Marco Trotta, Lorenzo Schezzini, Roberto Vitale, Giorgio Badalucchi.

"La collaborazione con Beic – conclude il preside Enzo Giorgio Fazio - segna l'inizio di ulteriori attività, legate alla valorizzazione digitale del patrimonio testuale elbano, portate avanti dal nostro istituto scolastico con la cooperazione di enti culturali del territorio".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it