Indietro

Covid-19, panificio chiuso in via precauzionale

Foto di repertorio

Lo fa sapere il Comune di Isola del Giglio. Sta bene la donna positiva al Covid e migliorano le condizioni del marito ricoverato a Grosseto

ISOLA DEL GIGLIO — Il Comune di Isola del Giglio fa sapere che per isolamento precauzionale volontario il panificio di Giglio Porto rimarrà chiuso per la sola giornata di domani lunedì 23 Marzo. Il servizio riprenderà martedì con un altro panificio per la sola produzione del pane e la distribuzione sarà a cura dei negozi di alimentari.

Per quanto riguarda le condizioni di salute delle due persone non residenti risultate positive al Covid-19, la donna sta bene e il marito ricoverato all'ospedale di Grosseto migliora gradualmente. Il sindaco è in contatto telefonico con i due coniugi.

Dal Comune fanno inoltre sapere che è consentito uscire di casa esclusivamente per motivi di lavoro, di salute e per la sola necessità di fare la spesa. L’uscita per la spesa può essere effettuata 2 o 3 volte la settimana e non tutti i giorni. E’ sufficiente programmare le proprie necessità in quanto a rifornimenti. Non è consentito passeggiare per strada senza uno dei motivi previsti dalla legge ed è vietato sostare all'arrivo dei traghetti, se non per comprovate esigenze come il ritiro della merce intestata. 

L’ordinanza del Ministero della Salute, da ieri, vieta le uscite all’aria aperta ma permette quelle nelle immediate vicinanze della propria abitazione. Le autocertificazioni verranno vidimate durante le frequenti verifiche per accertare il numero delle uscite. 

Proseguono gli accertamenti presso gli scali marittimi, ma i controlli adesso sono estesi a tutto il territorio. Tra ieri e oggi, le Forze dell’Ordine hanno già elevato durissime sanzioni nei confronti di alcuni trasgressori non in regola con i divieti, quindi il Comune invita ad un comportamento disciplinato.

Il Comune sottolinea inoltre che è consentito entrare nei negozi di alimentari uno alla volta all’interno mentre all’esterno in attesa deve essere mantenuta la giusta distanza l’uno dall’altro. Si tratta di precauzioni importanti che aiutano la nostra salute e la salute degli altri.

"In questa fase di emergenza intensa - spiegano dal Comune - è necessario osservare la massima attenzione alle disposizioni in corso. Tutti i residenti che rientrano dall’estrero, anche se asintomatici, sono obbligati all'autoisolamento, per i 14 giorni successivi dall’arrivo. Hanno inoltre l’obbligo di presentare una dichiarazione nella quale attestino di rientrare presso la propria residenza- È, inoltre, obbligatorio comunicare al Dipartimento di Prevenzione dell'Azienda sanitaria locale il proprio ingresso in Italia per avviare la sorveglianza sanitaria".


Per quanto riguarda i residenti sull'isola che provengono da altri Comuni italiani "anche se asintomatici, sono obbligati all'autoisolamento, per i 14 giorni successivi dall’arrivo, anche se nel luogo di provenienza hanno già osservato la quarantena volontaria. Durante tutto il percorso del rientro si dovranno evitare contatti con chiunque e possibilmente rimanere a bordo della propria autovettura fino all’arrivo a casa. Le Forze dell’Ordine vigileranno sul rispetto delle prescrizioni".

Dal Comune viene poi ribadito che "l’ordinanza del Ministero della Salute del 20 marzo non si sostituisce ai Decreti governativi ma fornisce restrizioni maggiori che si sommano agli altri già in vigore. Per questo motivo a tutti i non residenti è vietato rigorosamente di sbarcare sulle due isole (Giglio e Giannutri, ndr) in tutti i giorni della settimana perché non vi è deroga che possa essere autorizzata".

L'amministrazione inoltre fa sapere che ieri mattina si è riunito il Comitato Operativo Comunale, una sorta di Unità di Crisi locale allargata alle società dei servizi pubblici che operano nel Comune. 

"Si va verso stringenti limitazioni per i cantieri pubblici del Giglio (Ambulatorio Asl Castello, Rocca Pisana) con una drastica riduzione degli spostamenti dei lavoratori che sono impegnati nell’edilizia. - spiegano dal Comune - I cantieri pubblici ancora aperti con operai che soggiornano 7 giorni su 7 sull’isola continueranno le lavorazioni. Una volta usciti dall’isola non sarà più consentito il rientro per coloro che hanno deciso di trascorrere il weekend a casa, in altro comune. In questo fine settimana weekend i lavoratori dei suddetti cantieri sono rimasti sull’isola. Ciò si rende necessario per difendere dal contagio la popolazione e non rendere vani i sacrifici che tutti noi stiamo portando avanti da giorni".

Infine il Comune segnala che è stata emanata un’ordinanza congiunta Ministero della Salute e Ministero dell’Interno che formula lo stop assoluto agli spostamenti delle persone a prescindere dalla loro residenza e provenienza.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it