Indietro

Turismo, buoni segnali per la stagione 2020

Yacht all'Elba
Foto di: Massi Macii

Continuano a crescere gli arrivi all'Elba e cresce l'interesse per l'isola, nonostante qualche disguido legato ai traghetti

ISOLA D'ELBA — Chiuso il mese di Giugno con una presenza di turisti superiore alle aspettative, vista la riapertura alla circolazione delle persone in Italia solo dal 3 Giugno e per le previsioni legate all'incertezza del Covid-19 nella scelta di andare in vacanza.

"Sono cambiate le modalità di prenotazione che dal web si sono spostate al telefono perché le persone chiedono informazioni dettagliate sul soggiorno e sulle misure anti-Covid - ci ha detto Massimo De Ferrari, presidente dell'associazione Albergatori elbani - e questo sta sicuramente creando un importante impegno e lavoro per le segreterie delle nostre strutture. Però posso dire che sta andando meglio del previsto, nonostante le incertezza che le persone comunque dimostrano".

"Dalle nostre previsioni infatti per il mese di Giugno ci aspettavamo un 50 per cento di turisti in meno rispetto allo scorso anno ma la nostra aspettativa è stata superata. - ha aggiunto De Ferrari - Ora dobbiamo recuperare nel mese di Luglio, mentre per il mese di Agosto ci attestiamo già su un 70 per cento delle prenotazioni. Certo si evidenzia una preferenza per le zone con spazi aperti e per le ville ed i residence".

A fine Giugno ha riferito De Ferrari "erano circa il 90 per cento delle strutture ricettive, le altre invece hanno previsto di aprire a Luglio, mentre alcune circa 6 hanno deciso di rimanere chiuse anche se poi una di questa ha cambiato idea ed ha deciso di aprire. Ovviamente le strutture che hanno potuto perché hanno spazi si sono adeguate e hanno spostato le attività di ristorazione all'aperto, qualcuno invece ha chiuso il ristorante ha fatto convenzioni con ristoranti ma sono state attuate tutte le misure possibili per garantire la sicurezza".

Sul versante della promozione la Gestione associata del Turismo ha attivato delle campagne di comunicazione valorizzando il fatto che all'Elba ci sono molti spazi all'aperto fruibili e numerose spiagge che garantiscono le necessarie distanze di sicurezza, come previsto dalle misure anti-Covid in atto. A questo si aggiunge anche l'iniziativa Elba Ok, una polizza anti-Covid e non solo per garantire agli ospiti una vacanza "sicura e senza pensieri".

Nel frattempo le persone continuano ad arrivare sull'isola anche se nei giorni scorsi si sono registrate in alcuni casi delle criticità per i traghetti anche per persone che già avevano prenotato (vedi gli articoli correlati).

Una criticità emersa nel mese di Luglio riguardo ai collegamenti marittimi riguarda il ritardo dell'attivazione delle corse di Elba Sardinia Ferries che avrebbero dovuto riprendere ad inizio Luglio, poi il 12 mentre ora, come si legge sul sito web si annuncia il 16 Luglio. Nel frattempo però sono comunque attivi i collegamenti con i traghetti di Toremar, Moby e Blu Navy.

Tuttavia alcune criticità nei collegamenti marittimi e nella loro programmazione a lungo termine sembrano risentire anche del fatto che l'Autorità portuale per la stagione 2020 non ha assegnato ulteriori slot ma ha invece riconfermato quelli dello scorso anno e ha disposto che le compagnie di navigazione ogni 15 giorni devono presentare un piano delle corse. 

Certo è che le previsioni quest'anno risentono molto dei tempi ristretti delle prenotazioni perché molte persone decidono all'ultimo di andare in vacanza e quindi per l'isola questo potrebbe rivelarsi una carta vincente per il suo essere un'isola del centro Italia che comunque non ha niente da invidiare per bellezza e varietà di spiagge ad altre mete turistiche di primo piano sia in Italia che all'estero.

A questo proposito sono attivi anche i collegamenti aerei di Silver Air fra l'Elba, Pisa, Firenze e Milano e inoltre proprio da oggi sono ripresi i voli della stessa compagnia fra la Svizzera e l'Elba

Inoltre l'Elba si attesta al centro dell'interesse anche del turismo nautico dato che si sta registrando la presenza di numerosi yacht nelle coste dell'isola e fra questi anche yacht di lusso come il Kahlilah, il super yacht di lusso avvistato nei giorni scorsi tra Porto Azzurro e Capoliveri.

Altri tasselli che possono aiutare alla ripresa di una stagione che è stata compromessa dall'emergenza Covid e che per questo è partita ovviamente in ritardo.

Valentina Caffieri
© Riproduzione riservata

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it