Indietro

Dissalatore Elba, la Regione va avanti

Cantiere di Asa a Mola (foto di repertorio)

La giunta regionale ha approvato lo schema di accordo di programma per il dissalatore di Mola, nonostante la contrarietà di Capoliveri e Porto Azzurro

FIRENZE — Regione Toscana e Ait vanno avanti e lo scorso 25 Novembre la giunta regionale ha approvato lo schema di accordo di programma per la realizzazione del dissalatore nella zona di Mola, fra Porto Azzurro e Capoliveri.

Secondo la giunta regionale e Ait il dissalatore è opera indispensabile per aumentare la disponibilità idrica dell'Elba. Nei mesi scorsi la Regione aveva inviato ai Comuni elbani la bozza di accordo di programma per presentare osservazioni alla quale hanno però risposto soltanto i due Comuni direttamente interessati, Capoliveri e Porto Azzurro, dichiarandosi contrari all'opera.

Nella scheda degli interventi complessivi allegata alla delibera è indicato il costo complessivo del dissalatore, oltre 14,5 milioni di euro, per il quale per quasi 6 milioni di euro interverrà la Regione stessa, per una piccola parte sarà coperto da fondi ministeriali e oltre 6 milioni di euro andranno finanziati con la tariffa idrica.

Nell'accordo iniziale invece era previsto che contribuissero in Comuni elbani con una cifra di 2,5 milioni di euro (nel testo dell'accordo regionale è indicata la cifra di 3,5 milioni invece).

In particolare nel testo della delibera della regionale si legge che "il costo dell’intervento oggetto dell’Accordo di programma è pari a complessivi Euro 12.460.692,42 di cui Euro 6.528.722,85 a carico di AIT ed Euro euro 5.931.969,57 a carico del bilancio regionale" ripartiti nel bilancio regionale in tre anni dal 2019 al 2021.

Tutto questo avviene mentre prosegue la battaglia legale del Comune di Capoliveri, contro la realizzazione del dissalatore, avviata lo scorso Aprile, che con un'ordinanza aveva anche bloccato i lavori di Asa propedeutici agli altri interventi del progetto del dissalatore, ordinanza oggetto di ricorso sulla quale il Consiglio di Stato aveva stabilito che l’inizio dei lavori per la realizzazione dell’impianto fosse subordinato alla stipula di un accordo di esecuzione, che deve essere concordato con l’amministrazione comunale competente territorialmente (Capoliveri, ndr), accordo mai stipulato (leggi qui l'articolo).

In fondo all'articolo sono visibili come allegati l'accordo di programma, la scheda degli interventi e il cronoprogramma.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it