Indietro

L'Intrepido Cavatore rischia di abbandonare l'Elba

Ancora senza casa l'opera realizzata da Giorgio Faggioni: "Pronto a riportarlo in Australia". Ma Simoni porta la questione agli altri sindaci

CAPOLIVERI — Non è facile digerire lo scarso interesse che l'isola mostra per la statua dell'Intrepido cavatore e allora Giorgio Faggioni cambia tattica: si distrae da cattivi pensieri preparando un dono al suo paese, Capoliveri, proiettato all'ormai vicina Festa dell'uva. 

Offrirà alla Pro Loco un quadro di 2 metri sulla vendemmia di 100 anni fa. Il maturo artista, classe 1931, pittore e scultore, a maggio è tornato dall'Australia, dove è emigrato 67 ani fa, portando con sé l'opera bronzea del cavatore, simbolo del lavoro secolare nella cave e nelle miniere isolane. 

L'opera però non ha trovato ancora posto in una piazza. Poche, infatti, le risposte valide per Faggioni, pronto anche a riportarla nel paese dei canguri. "Probabilmente la mia arte non piace - commenta - intanto donerò al mio paese, una mia rappresentazione della vendemmia del 1916, quella dei terribili anni della prima guerra mondiale". 

Il monumento che gli sta a cuore lo ha presentato nel borgo collinare i primi di settembre. Ora qualcuno, che va controcorrente, prova ad aiutarlo lanciando una petizione in suo favore e potrebbe nascere anche una sottoscrizione popolare per comprare l'opera del Faggioni.

"Un documento è stato mandato a tutti i sindaci - dice l'artista - grazie all'avvocato Romano Figaia ed altri, che ringrazio. C'è da far capire l'importanza del lavoro che ho realizzato. 

Se però non matureranno soluzioni positive, non potrò far altro che riportare la statua a Canberra, da dove l'ho spedita con oltre 3mila euro di spese". 

Luca Simoni, sindaco di Porto Azzurro, dona una speranza e prova a sostenere Faggioni: "Porterò la questione alla conferenza dei sindaci. Penso che si possa trovare una soluzione. La statua del cavatore lo merita".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it