Indietro

Elisoccorso, Barbetti scrive alla Regione

Foto di repertorio

Barbetti a nome dei sindaci elbani alla Regione:“L’Elba ha bisogno di una base di elisoccorso sul territorio. Si sperimenti nella stagione turistica”

CAPOLIVERI — E’ con una nuova lettera indirizzata al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e all’assessore regionale per il Diritto alla Salute Stefania Saccardi che il sindaco del Comune di Capoliveri, Ruggero Barbetti, in qualità di presidente della Conferenza Zonale dei Sindaci per la Sanità di Zona – Distretto Elba, è tornato a chiedere che sia istituita una base di elisoccorso all’Isola d’Elba e che tale base possa essere attivata in via sperimentale almeno nella stagione turistica.

Nella missiva inviata in data 13 Maggio ai vertici regionali, su mandato della Conferenza dei Sindaci per la Sanità, il Sindaco Barbetti ricorda che con lettera del 4 Febbraio scorso era già stata avanzata una precisa richiesta di istituzione di una base di elisoccorso sul territorio elbano, una richiesta che andava a modificare l’organizzazione dell’elisoccorso regionale in vista della scadenza del servizio su base regionale che si sta verificando proprio in queste settimane.

“Ma – lamenta il presidente della Conferenza dei Sindaci per la Sanità – la suddetta nota è rimasta ad tutt’oggi inevasa”.

“Mi risulta – spiega Barbetti nella sua nota alla Regione – che nella sede di Estar a Pisa si sia tenuta una consultazione preliminare di mercato, propedeutica all’indizione di una gara finalizzata al servizio di Elisoccorso in Toscana, e che sia stata presentata una bozza del capitolato di gara per il rinnovo dell’appalto di elisoccorso per la Regione Toscana della durata presumibilmente di ulteriori 9 anni".

"Mi risulterebbe, altresì, - prosegue Barbetti - che la possibile istituzione di una 4° base di elisoccorso all’Elba non sia stata presa in considerazione, se non nel caso di un’eventuale ristrutturazione regionale del servizio di emergenza 118 e di elisoccorso che potrebbe prevedere la possibilità di istituire nuove basi, raddoppiare il numero di elicotteri in una o più basi esistenti o cambiare i mezzi già in uso”.

Per il sindaco Barbetti, invece, la soluzione possibile è quella di istituire una base sperimentale all’isola d’Elba partendo dal periodo della stagione turistica, che servirebbe a testare l’utilità del servizio.

“Noi elbani, insieme ai nostri ospiti, chiediamo solo che venga garantito il diritto alla salute così come è costituzionalmente garantito. Sull’emergenza-urgenza molto si è fatto, e di questo ne siamo grati, ma molto si può ancora fare. Siamo convinti che una base di elisoccorso sulla nostra isola, che durante l’estate ospita 250.000/300.000 persone contemporaneamente, sarebbe un’eccellenza per il sistema sanitario regionale. Si può fare, dobbiamo farlo: è un dovere delle istituzioni che rappresentiamo”.

Anche a nome degli altri sindaci elbani, Ruggero Barbetti coglie quindi l’occasione per invitare Rossi e Saccardi all’Elba per fare il punto su tutto quanto finora è stato fatto e sugli obiettivi raggiunti ma, contemporaneamente, per ragionare ed individuare insieme quelle che possono essere le sfide dei prossimi anni.

Fotogallery

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it