Indietro

Sanità, tutti d'accordo: via libera al piano

La rinnovata facciata di Palazzo della Biscotteria

Il sindaco Ferrari ha recepito le osservazioni fatte dai colleghi, tutti presenti di persona alla conferenza. Ora la ratifica con Azienda e Regione

PORTOFERRAIO — Stavolta c'erano tutti, e non hanno litigato. Questa la notizia forse più importante riguardante la conferenza dei sindaci sulla sanità che si è svolta nel pomeriggio di venerdì 11 maggio presso Palazzo della Biscotteria,a Portoferraio. In poco più di due ore è arrivata dunque la firma sul piano sanitario predisposto dal sindaco di Portoferraio Mario Ferrari, con la collaborazione del suo consigliere delegato alla sanità, Luciano Rossi, e dell'assessore alla sanità del comune di Campo nell'Elba Gianluigi Palombi, entrambi medici. Sono state recepite ed adottate nel documento finale, adottato e votato all'unanimità, tutte le proposte e le osservazioni fatte in questi giorni; ora il piano dovrà essere sottoposto alla ratifica definitiva dell'Azienda Sanitaria Toscana Nord Ovest e della stessa Regione Toscana, stilando dunque un nuovo e definitivo cronoprogramma di interventi da mettere in atto sul territorio.

Nel dettaglio, alla conferenza  hanno partecipato tutti e 6 i Sindaci ( assente per ovvii motivi solo quello di Rio, che deve essere ancora eletto, ndr) , più il consigliere delegato alla sanità di Portoferraio Luciano Rossi, il vicesindaco di Portoferraio Roberto Marini, l'assessore alla sanità di Campo nell'Elba Gianluigi Palombi  e il delegato di Capoliveri, Walter Montagna.

Il sindaco di Portoferraio Mario  Ferrari ha ringraziato in apertura gli intervenuti per la loro presenza personale, contributo indispensabile per la chiarezza del documento finale e per eliminare dubbi e fraintendimenti.

I sindaci che erano stati in un primo tempo critici (Bulgaresi, Barbetti e Allori) hanno preso atto delle modifiche apportate al  piano, dopo aver sollevato alcune perplessità, soprattutto riguardo la volontà di confermare il ruolo della Chirurgia e la cancellazione del punto che prevedeva la degenza mista chirugia-medicina.

Il sindaco di Marciana Anna  Bulgaresi aveva inoltre fatto pervenire una serie di integrazioni al piano. Le  più significative riguardavano incentivi di carriera per il personale che desiderava lavorare sull’isola, una reperibilità cardiologica, un responsabile, in loco, della ginecologia-ostetricia e della pediatria ed un deciso intervento sul rafforzamento della medicina del territorio.

Le integrazioni della Bulgaresi sono state accolte con favore dagli altri amministratori, soprattutto riguardo la parte della medicina territoriale.

Ruggero Barbetti ha poi confermato l’importanza della richiesta, all’interno del piano, di un eventuale elicottero stanziale sull'isola, vecchia battaglia del Sindaco di Capoliveri  anche in sede GAT, convenendo comunque con gli altri che tale opzione doveva essere assolutamente un valore aggiunto e non certo una modalità che possa portare alla  diminuzione dei servizi ospedalieri.

Il sindaco di Porto Azzurro Maurizio Papi ha sottolineato il problema delle liste di attesa, concordando con gli altri sindaci sulla eventualità di ricorrere anche a convenzioni esterne, considerando la difficoltà degli elbani  a raggiungere altre strutture ospedaliere continentali.

Su suggerimento di Papi, inoltre, è stato  quindi convenuto di far valutare il piano in base alle esigenze sanitarie dell’isola da tecnici esterni esperti di management sanitario. Infine si è discusso sulla possibilità di costituire una commissione all’interno della Conferenza, formata da membri della stessa, che valuti, volta per volta, il rispetto del cronoprogramma definitivo che l'Azienda sanitaria dovrà predisporre.

"Sono molto soddisfatto - ha commentato alla fine della giornata il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari - sia della ritrovata unità di intenti con i miei colleghi, sia soprattutto del risultato conseguito. E' la dimostrazione che il nostro piano sanitario, frutto di lunghe concertazioni con l'azienda a livello di fattibilità e di sostenibilità, non era certo da buttare. Senza prese di posizione strumentali e con il contributo fattivo di tutti, crediamo di aver realizzato qualcosa che possa essere davvero utile alla nostra isola e ai nostri concittadini. Ora dobbiamo continuare su questa strada, cercando intanto di ottenere quanto da noi richiesto e poi vigilando sulla corretta applicazione del tutto. Sarà un piano aperto, con la possibilità di inserire integrazioni e migliorie strada facendo".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it