Indietro

Pd, consiglio e polemiche, volano gli stracci

Il Pd vuole accendere i riflettori sulle sue proposte in consiglio comunale. Ma per l'Amministrazione di Portoferraio è il Pd a non servire più

PORTOFERRAIO — Conferenze stampa, questa sarà da oggi in poi la parola chiave per il circolo Pd di Portoferraio che vuole reagire al crescente mancato interesse della popolazione per i lavori del consiglio comunale. Così, come hanno spiegato il segretario Paolo Andreali e la capogruppo Cosetta Pellegrini, per accendere i riflettori sulle proposte della minoranza, il Pd hanno deciso di organizzare conferenze stampa. La decisione è arrivata a seguito della serie di incontri fatti nei quartieri dove sono emersi suggerimenti e proposte per i paese. Ma non finisce qui, perché le critiche vanno oltre il disinteresse cittadino per la cosa pubblica puntando il dito contro la stessa Amministrazione che sembrerebbe troppo immobile.

Non tarda ad arrivare la risposta dell'Amministrazione comunale di Portoferraio che dà il benservito al Pd. "Il Pd nel consiglio comunale? A Portoferraio non serve più. - si legge in una nota congiunta dell'Amministrazione guidata dal sindaco Mario Ferrari - Hanno preso coscienza che la loro comunicazione tramite interpellanze ed interrogazioni non interessa più nessuno. Allora il Pd portoferraiese cambia strategia e se i cittadini non vengono da loro, la trasmissione del Pd-pensiero d'ora in poi, verrà fatta solo attraverso conferenze stampa".

"Il Pd di Portoferraio si presenta alla prima conferenza stampa come 'propositivo', con 'idee chiare' e ovviamente ricco di rimostranze. - hanno aggiungo - In primo luogo ci auguriamo che le 'idee chiare' siano diverse da quelle precedenti visti i risultati, secondariamente poi potrebbe spiegare ai cittadini nella prossima conferenza stampa perché queste idee non sono state tradotte in pratica nei 10 anni di gestione".

Sulla questione interpellanza, mozioni e interrogazioni in consiglio comunale, dall'Amministrazione confermano la regolare procedura di pubblicazione sull'Albo Pretorio perché i cittadini ne venissero a conoscenza. E se il Pd si è detto pronto a lavorare per il futuro della città, l'Amministrazione sentenzia: "Il futuro lo ha già lasciato ed è il presente di oggi che cerchiamo costantemente di modificare".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it